Un Corso in Miracoli


̀Un libro che parla d'amore.
Ci parla dell'immenso amore del Padre per il Figlio, il Suo unico Figlio.
Ci parla della favola bella dove l'amore trionfa sempre poiché solo l'amore è Reale.
Ci parla del Figlio fatto ad immagine e somiglianza del Padre, perfetto come il Padre Che lo ha creato esattamente uguale a se stesso.
Ci parla di come il Figlio si è perso in un sogno, dove crede di essere solo e separato e non ricorda più la propria immensità, non ricorda più di essere quel Figlio benedetto, eterno e immutabile come suo Padre.
Ci parla di come la verità, l'unica verità, l'unica realtà è il Regno del Padre, dove l'unica legge è quella dell'amore.
Ci parla di questo amore, per noi inimmaginabile, che è la nostra vera essenza e la nostra unica Realtà.
E ci ricorda che lo spirito è eternamente in uno stato di grazia e dunque noi siamo eternamente in uno stato di grazia, poiché siamo solo spirito.
La Sua Voce, la voce dello spirito, ci sussurra di non temere, poiché è possibile una via di fuga dal sogno, da questo folle sogno di morte e di dolore in cui siamo caduti.
Dunque "Un Corso in Miracoli" rappresenta una via di fuga per alcuni di noi.


Il Corso nella sua
introduzione del testo dice:


"Questo è un corso in miracoli.
E' un corso richiesto. Solo il tempo che ti ci vuole per farlo è volontario. Libero arbitrio non significa che puoi stabilire il programma di studi. Significa solo che puoi scegliere cosa vuoi imparare in un determinato momento.

Il corso non si prefigge di insegnare il significato dell'amore, poiché esso trascende ciò che può essere insegnato. Si prefigge tuttavia di eliminare i blocchi alla consapevolezza della presenza dell'amore, che è la tua eredità naturale. L'opposto dell'amore è la paura, ma ciò che tutto abbraccia non può avere opposti. Questo corso si può quindi riassumere così:

Nulla di ciò che è reale può essere minacciato.
Nulla di irreale esiste in questo si trova la pace di Dio."


"Un Corso in Miracoli" è dunque un libro sulla guarigione spirituale e sul come gli individui possono unirsi in nome dello Spirito.
È un mezzo per guarire noi stessi e le nostre relazioni personali.
È un testo ecumenico poiché propone un programma di studio a cui ogni individuo prima o poi deve accedere qualunque sia il suo credo, la sua religione o la sua razza.

Mette l'accento sull'esperienza proponendoci, oltre alla lettura del testo, un lavoro giornaliero, al di là della mente, che ci permetterà di fare esperienza di quel cambiamento di percezione così fondamentale per vivere la Realtà dell'amore.

Il Corso non tratta di miracoli in senso fisico e spettacolare:

i miracoli insegnati dal Corso sono cambiamenti nella percezione che ci permettono di vedere il mondo attraverso gli occhi dell'amore e non quelli della paura.

Si propone come un allenamento della mente ad abbandonare un modo di pensare fondato sulla paura per accettarne uno fondato sull'amore.

Parla di due emozioni fondamentali:

la paura che produce aggressività, separazione e senso di colpa

l'amore che crea gioia, perdono, pace nel cuore e nella mente.

Noi percepiamo un mondo governato dal male, dalla distruzione, dall'invidia, dalla disperazione, dal tempo e dalla morte.

Crediamo nella scarsità, nella separazione e nella perdita.

Crediamo che la separazione da Dio sia reale e che per sopravvivere dobbiamo difenderci e lottare.

Siamo profondamente infelici perché vediamo in noi e intorno a noi, rabbia, odio, guerra, follia, povertà, miseria. Abbiamo persino paura di Dio poiché crediamo che possa punirci per i nostri peccati.

È come se la mente si fosse spaccata in due: una parte rimane in contatto con l'amore e l'altra devia verso la paura.

Il Corso ci dice che il vero e più grande ostacolo all'esperienza del divino in noi è la nostra profonda, inimmaginabile credenza nella colpa. Una colpa originaria che crediamo di avere in noi.

Noi viviamo l'esperienza di un mondo dove peccato, colpa e paura governano noi stessi e tutte le nostre relazioni.

Queste credenze così profondamente strutturate dentro di noi ci condannano ad un senso di impotenza e disperazione da cui sentiamo di essere sopraffatti e senza via d'uscita.

"Un Corso in Miracoli" ci dà una via di fuga proponendosi di aiutarci a cancellare i pensieri dell'ego, secondo cui un dio arrabbiato e vendicativo ci punisce per i nostri peccati.

Attraverso una sofisticata psicologia delle dinamiche dell'ego, che definisce come il falso sé che abbiamo costruito in sostituzione del sé creato da Dio, ci dice che tutto ciò non è niente più di un sogno che ha terrorizzato il Figlio di Dio, facendogli credere di aver perduto l'innocenza, rinnegato il Padre e dichiarato guerra a sé stesso.

Il sogno è così temibile e così verosimilmente reale che egli non potrebbe ridestarsi alla realtà senza un urlo di paura mortale, se un sogno più dolce non dovesse precedere il risveglio, permettendo così alla sua mente più tranquilla di accogliere con gioia, e non di temere, la Voce Che lo chiama con amore inducendolo a svegliarsi.

Ed è a questo che ci porta il Corso, Ad un sogno più dolce in cui la sofferenza è stata guarita e tuo fratello ti è amico.

Dunque non avanziamo direttamente dagli incubi illusori dell'ego alla Realtà, ma con Lo Spirito che ci guida prima passiamo attraverso i sogni illusori del perdono.
Perdono con una accezione totalmente diversa dal comune significato di perdono.


Se dobbiamo diventare consapevoli della nostra vera identità e della nostra vita in Dio, le interferenze dell'ego dovranno essere annullate.

Il Corso si propone di offrirci un percorso per riuscirci.

Ci insegna a distinguere la voce dell'ego dalla Voce dello Spirito o della saggezza interiore.

Il suo scopo è quello di correggere la nostra percezione. Intraprendendo un viaggio spirituale che ci porta ad abbandonare o disimparare la paura per accogliere di nuovo l'amore nei nostri cuori.
Ci insegna la via del perdono, la via del ritorno a casa.

In cosa consiste " Un Corso in Miracoli "


Il Corso è strutturato in modo tale da essere un facile strumento di apprendimento.

Consiste in tre libri:
1° il testo (708 pagine)
2° il libro degli esercizi (490 pagine)
3° il manuale degli insegnanti (94 pagine)

La sequenza con cui lo studente sceglie di usare il testo è una scelta personale. Il programma di studi che il testo propone è spiegato magistralmente dall'autore.

Il Corso pone l'accento sulla sua applicazione e sull'esperienza che ne deriva piuttosto che sulla teoria.

Il testo è teorico e spiega il sistema di pensiero su cui poi si basano le lezioni giornaliere del libro degli esercizi che rappresentano la parte pratica. Senza la pratica degli esercizi giornalieri il testo sarebbe soltanto un sistema di pensiero teorico non sufficiente al rovesciamento del sistema di pensiero dell'ego.

Il libro degli esercizi contiene 365 lezioni, una per ogni giorno dell'anno. Si può fare una lezione al giorno, oppure soffermarsi per più di un giorno su una lezione. Questo sarà a discrezione dello studente.

La condivisione del Corso, viene fatta attraverso un incontro al mese di circa 4 ore. Durante l'incontro si svolgono le letture e le condivisioni degli studenti.

Gli incontri vengono facilitati da Giuse Mattaliano Amerio, che è studente del Corso da circa 20 anni.