Alessandra:
"Ricordo ancora quando giunsi per la prima volta in Associazione, mi aspettavo un'asceta o una sorta di 'santone' che mi avrebbe spiegato come vivere e nutrirmi, invece trovai la semplicità di persone come me, ricercatori della verità, dei pionieri pieni di entusiasmo con il desiderio di condividere la loro esperienza e scoperte.
La verità è che è stato come tornare a casa, e da allora ogni giorno sempre di più. Giunta a quell' incontro con un carico emozionale troppo pesante e anni di psicoterapia alle spalle ricercavo solo un po' di pace e di equilibrio senza idea di come e dove trovarlo. Mai nessuno aveva collegato i miei attacchi di panico con il cibo che ingerivo e con lo stato energetico e fisico dei miei reni. Stupita ma incuriosita decisi di ascoltare e di offrirmi un'altra possibilità. Iniziai a cambiare le mie abitudini e con esse anche il mio essere si modificava poco per volta: i sintomi fisici lentamente si sciolsero e, come un vaso di pandora, si aprirono scoperte e comprensioni che erano solo sotterrate dalle crisi di panico. Ho intrapreso il mio percorso che tutt'ora sto svolgendo, e sono felice e serena perché la sensazione è quella di accordare ogni giorno sempre di più "il mio strumento", me stessa. Sono sempre stata terrorizzata dalla malattia e dalla morte ma oggi ho un nuovo punto di vista con cui confrontarmi quando vecchie paure, abitudini e credenze ritornano. Mi sento bene e sto imparando a rispettare il mio corpo e a fidarmi dei suoi segnali e comprendo che è ricco di tesori se gli do la possibilità di esprimersi al meglio e con il giusto nutrimento a tutti i livelli. So che è al mio servizio come io sono al suo per permettergli di svolgere al meglio tutti compiti per i quali e stato progettato. Guardo il mondo con occhi diversi e posso contare su un altro punto di vista nel valutare ciò che mi accade, e non sempre è facile cambiare frequenza, ma mi accompagna la consapevolezza che esiste un' altra verità anche se non riesco a vederla e mi affido all'intelligenza che governa il mio corpo ed il mio essere sapendo che ha sempre come fine quella della vita."
Sara:

"Ho intrapreso il percorso del Sistema di Vita naturale verso la fine dell'Università. Fino ad allora mi "scervellavo" all'infinito per trovare risposte a problemi esistenziali, ad un malessere e disagio interiore, a una difficoltà nel vivere nel corpo giorno dopo giorno. Quando ho sentito Michelangelo parlare per la prima volta, mentre presentava i fondamenti del "Sistema" e mentre ci raccontava che il corpo è perfetto, come è perfetto il malessere e come la nostra alimentazione può influenzare quello che pensiamo e agiamo, dentro di me ho sentito una voce dire:Ho trovato la risposta che cercavo!. E se bastava rinunciare a carne, pesce, melanzane e pomodori per iniziare un nuovo cammino verso me stessa; allora io ci stavo. Era un rischio che volevo correre. Cosa avevo da perdere? Avrei sempre potuto ritornare come prima..
Dovevo scegliere tra eliminare alcuni alimenti e me stessa.
E così da onnivora incallita e spensierata, ho iniziato a prendere consapevolezza di chi sono, dei messaggi che il mio corpo mi dà costantemente, le sue espressioni, i suoi bisogni.
Non ho iniziato, perché non volevo uccidere animali; tuttavia, ora dopo 16 anni mi chiedo come faccia a non essere chiaro il fatto che un essere umano evoluto riesca a vivere egregiamente anche senza uccidere altri esseri viventi.
Grazie al SVN ho avuto la possibilità di apprendere ed usare strumenti che mi hanno permesso di scegliere tra la libertà di essere chi sono e la prigione delle credenze. Prima di tutto ciò ero convinta che la prigione fosse l'unica modalità di vita.
Il SVN mi ha anche insegnato che non basta solo volere, provare e andare. Occorre anche Pazienza, Disciplina e Amore. Ci sono tante traversie sul cammino, soprattutto quando si punta alla vetta. La Forza interiore diventa il tuo paio di scarponi da rampicata; Pazienza e Disciplina, i ramponi che ti innalzano metro dopo metro; L'Amore, la bussola verso la vetta.
Grazie per ogni giorno che ho vissuto da allora. Grazie per ogni giorno che potrò vivere in questo Amore."
Luca:

"Ottobre 1988, un collega della palestra di Milano dove mi occupavo di recupero posturale , un giorno mi dice che una di lui amica gli parla della reflessologia plantare come ottima tecnica per le algie legate alla colonna vertebrale.
L'insegnante del corso era Michelangelo Chiecchi.
Da quel giorno inizia l'avventura con il Sistema di Vita Naturale.

Bene, ciò che è avvenuto è che la mente, con tutti i suoi giochi di specchi e i tentativi di ribellione, ha seguito quello che il corpo aveva riconosciuto, fin dal primo istante, come la via più naturale e spontanea da seguire.

Oggi, continuando ad integrare con le esperienze che l'associazione propone, non rilevo più alcuna differenza fra il Sistema di Vita Naturale e lo svolgersi del mia vita quotidiana".

Lizaveta:

"Sono arrivata al Sistema di Vita Naturale alla fine di un dicembre di 12 anni fa. Stavo vivendo un periodo di grande confusione e sofferenza emotiva. Ho cominciato gradualmente a cambiare la mia alimentazione; ero scettica rispetto al fatto che un cibo diverso mi avrebbe aiutato a sciogliere le mie ansie.. Quello che con gioia e stupore ho trovato è stato un senso nuovo da attribuire a quello che prima mi capitava . Ascoltando seminari e conferenze, scoprivo che il malessere e il dolore non accadevano per caso, perché ero sfortunata o poverina, ma perché stavo facendo degli errori.
Questi errori si possono correggere. Così piano piano ho ribaltato completamente il significato che davo al malessere.
Ho imparato insieme al gruppo che c'è un messaggio dietro alla mia febbre o al mal di stomaco. Ho cominciato a fidarmi del mio corpo e dei segnali che manda. Il cambiamento comincia dall'alimentazione perché è più facile, ma le leggi della natura si applicano a tutti gli altri piani. Il corpo, la mente e lo spirito, quando lavorano insieme, seguono le leggi della vita portando al benessere. La consapevolezza che mi è arrivata in questi anni è stata un regalo immenso. Sono grata per essere arrivata qui e per le persone che incontro ogni volta. C'è molta gioia nel rivedere i vecchi amici e nel conoscerne di nuovi che arrivano incuriositi e alla ricerca di qualcosa. Insieme è ancora più divertente! Il Sistema di Vita Naturale è illuminante nella sua semplicità, coerenza e forza. "
Grazia:

"Per me il Sistema di Vita Naturale è stato come cominciare un lungo percorso che ancora adesso mi sta riportando alla mia vera essenza, ogni momento della mia vita.

All'inizio è stato per me doloroso, mollare abitudini, schemi e programmi che pensavo fossero corretti, ma piano piano, con l'esperienza ho potuto verificare che tutto quello che avevo imparato andava riprogrammato in una chiave completamente nuova.
Sapere che la Natura è perfetta, che anche il malessere può essere una reazione di riequilibrio del corpo a degli errori fatti in passato, mi ha permesso di affrontare cose di cui avevo molta paura.
Ogni giorno è una opportunità per fare esperienza di questo ascolto, di questo possibilità di rallentare, di vedere cosa può esserci dietro un mal di testa, un mal di schiena,
...

Il Sistema di Vita Naturale mi ha permesso di osservarmi da un nuovo punto di vista e a 360°."
Filippo:

" ...un giorno mi è stata data una possibilità di scelta:
pillola azzurra, domani ti risveglierai in camera tua e crederai a quello che vorrai; pillola rossa, resti nel paese delle meraviglie e vedrai quanto è profonda la tana del bianconiglio.
Lo so, vi sembra di averle già sentite queste parole; infatti le dice Morpheus a Neo nel film The Matrix.

Conoscere e praticare il SVN non è molto diverso: ti viene proposta una realtà allo stesso tempo molto semplice eppure tremendamente sconvolgente.
Se anche a te sembra che ci sia qualcosa che non va, tutte le volte che prendi una medicina di troppo, tutte le volte che ti alimenti con cadaveri di altri esseri viventi, ecco, allora la possibilità di scelta ora ce l'hai anche tu:
prendi quella maledetta pillola rossa entra in Matrix e chi lo sa, forse un giorno riuscirai a volare! "